Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Prevenzione WND

Zanzara

18 ottobre 2018

In attuazione dei programmi di sorveglianza sulla West Nile Disease, nel territorio provinciale di competenza della ATS - ASSL Sanluri, in particolare nei Comuni di Serramanna e Sardara, è stata riscontrata la circolazione del virus della West Nile Disease in uccelli appartenenti a specie bersaglio.

Su proposta della ATS - ASSL Sanluri è stata pertanto emessa l'Ordinanza Sindacale n. 46 (Reg. Gen 183) del 18.10.2018, comprendente le misure di prevenzione e di controllo delle malattie trasmesse da insetti vettori ed in particolare della West Nile Disease. All'interno dell'ordinanza sono inserite le seguenti raccomandazioni ai cittadini:

  • adottare le misure più idonee per ridurre il rischio delle punture di zanzare (in particolare nel periodo in corso):
  • all’aperto, in particolare dal crepuscolo in poi, indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo (camicie a maniche lunghe, pantaloni o gonne lunghi e calze);
  • all’aperto, utilizzare con moderazione repellenti cutanei per uso topico da spruzzare o spalmare sulle parti scoperte del corpo; è necessario, comunque, attenersi scrupolosamente alle norme indicate sui foglietti illustrativi dei prodotti repellenti, non utilizzarli sulle mucose o su regioni cutanee in presenza di lesioni e porre particolare attenzione al loro impiego sui bambini e donne in gravidanza e in allattamento;
  • alloggiare in stanze dotate di zanzariere alle finestre ed alle porte d’ingresso avendo cura di controllare che queste siano integre e ben chiuse;
  • nel solo caso di presenza di zanzare in ambienti interni, utilizzare spray a base di piretro o altri insetticidi per uso domestico con particolare attenzione alle specifiche istruzioni per l’uso;
  • possono risultare utili per mantenere le zanzare lontane da aree di piccole dimensioni, spirali fumigene (zampironi, solo per uso esterno) o elettro-emanatori di insetticida (per interni, aerando bene i locali prima di soggiornarvi).

Nella stessa ordinanza si RACCOMANDA INOLTRE ai privati cittadini e ai responsabili di attività industriali, artigianali, commerciali, di coltivazione di piante e fiori specialmente se all’interno dell’area urbana o in aderenza ad essa (in particolare nel periodo in corso):

  • di eseguire frequenti pulizie dell’acqua presente nelle caditoie ovvero in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, ricorrendo, qualora non sia sufficiente la bonifica ambientale volta alla rimozione dei focolai di sviluppo delle larve di zanzare, al trattamento con prodotti di sicura efficacia larvicida secondo le indicazioni riportate nelle etichette; indipendentemente dalla periodicità prefissata, è comunque preferibile praticare un trattamento entro 7 giorni dopo ogni precipitazione atmosferica (previa pulizia);
  • di eseguire frequenti pulizie dell’acqua presente nei contenitori di piante e fiori o alla sostituzione dell’acqua con cadenza almeno settimanale e, qualora non sufficiente, al trattamento con prodotti larvicidi;
  • di eseguire trattamenti di disinfestazione con larvicidi entro 7 giorni da ogni precipitazione atmosferica in tutte le raccolte di acqua stagnante che non possono essere bonificate o evitate e che favoriscono la proliferazione delle zanzare (raccolte idriche in contenitori o materiali vari stoccati all’aperto o qualunque altra raccolta d’acqua).

Sempre nel documento del Sindaco si ORDINA

Che nel periodo in corso e sino al 31 dicembre 2018:
Ai privati cittadini, ai responsabili di attività industriali, artigianali, commerciali, di coltivazione di piante e fiori specialmente se all’interno dell’area urbana o in aderenza ad essa:

  • di non abbandonare neanche temporaneamente negli spazi aperti pubblici e privati, compresi terrazzi, balconi e lastrici solari, oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensione (copertoni, bottiglie, lattine, bidoni, barattoli, sottovasi, ecc.) nei quali possa raccogliersi acqua piovana stagnante in quanto potenziale sede di sviluppo delle larve di zanzare;
  • di procedere, ove si tratti di contenitori o serbatoi non abbandonati, alla loro chiusura mediante coperchi o teli e, qualora non sia possibile, favorire il regolare ricambio di acqua o lo svuotamento settimanale per evitare lo sviluppo dei focolai di larve di zanzare nelle acque stagnanti; se i contenitori e i serbatoi non sono in uso, procedere alla loro sistemazione in modo da evitare accumuli idrici o procedere allo svuotamento delle eventuali raccolte d’acqua con cadenza almeno settimanale;
  • di svuotare le fontane e le piscine non in esercizio o di evitare il ristagno di acqua;
  • di tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce, da sterpi e rifiuti di ogni genere, e sistemarli in modo da evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza;
  • di provvedere, in caso di attività di cantiere o in casi simili, alla sistemazione del suolo in modo da evitare raccolte di acque;
  • di sistemare i materiali di diversa natura (pneumatici, materiali vari compresi i materiali di scarto o di risulta) in modo tale da evitare il formarsi di raccolte d’acqua, mediante il loro stoccaggio in locali coperti oppure all’aperto mediante utilizzo di apposite coperture; in caso di inevitabili raccolte idriche stagnanti, si dovrà procedere, se le condizioni lo consentono, al loro svuotamento con cadenza almeno settimanale;

A tutti i soggetti che a qualsiasi titolo siano autorizzati ad effettuare manifestazioni che comportino il ritrovo di molte persone nelle ore serali in aree verdi pubbliche o private, in aggiunta alle suddette misure, è suggerito di effettuare trattamenti straordinari di disinfestazione mediante ditte specializzate previa valutazione del rischio, notificandone la decisione al Dipartimento di Prevenzione della ASSL per eventuali successive verifiche.

Per ulteriori dettagli si rimanda all'Ordinanza integrale

DOCUMENTI DISPONIBILI

Ordinanza 183/2018

In atuatzioni de is programmas de castiadura asuba de sa “West Nile Disease”, in su territóriu provintziali de sa ATS-ASSL Seddori, in particulari in is Comunus de Serramanna e Sardara, est stétia averiguada sa tzirculatzioni de su virus de sa West Nile Disease in pillonis apartenentis a genias bersàlliu.
Cun proposta de sa ATS-ASSL Seddori, est stétia fata s’Ordinàntzia Sindacali n°46 (Reg.Gen.183) de su 18 de Meseladàmini 2018, chi incluit is mesuras de preventzioni e de cuntrollu de is maladias trasmítias de babballotis e pruscatotu portadoris de sa West Nile Disease.
In s’ordinàntzia ddoi at arracumanditzias a is tzitadinus :
· Pigai is mesuras prus idoneas po smenguai s’arriscu de is spítzulus de síntzula ( pruschetotu in custu períodu);
· A foras, pruschetotu apustis de su scurugadroxu, si ponni arrobba de colori craru chi coberrat sa mellus parti de su corpus (camisas a màniga longa, cratzonis o gunneddas longus e mígias);
· A foras, umperai a bellu pumadas, lichidus o “spray” de ponni in is partis scobertas de su corpus po nci stesiai sa síntzula; tocat, cumentisisiat, a osservai in manera scrupolosa is normas inditadas in is follieddus illustradoris de is prodotus po nci stesiai sa síntzula, non tocat a ddus umperai in is mucosas o asuba de is feridas e donai atentzioni a s’umperu cosa insoru asuba de pipius e de fémminas príngias o chi funt allatendu;
· Abarrai in aposentus cun muscheras in is fentanas e in is portas de intrada, tenendi cura de cuntrollai chi siant sanas e benis serradas;
· Scéti si ddoi síntzula in is aposentus de aintru, umperai “spray” a basi de piretru o àterus bocibabballotis po aintru de domu, donendu atentzioni a is istrutzionis po s’umperu;
· Podint essi de profetu, po stesiai sa síntzula de àreas piticas, is zampironis (scéti po foras) e eletruemanadoris de bocibabballotis ( po aintru, fadendi intrai ària innantis de si aposentai).

In sa matessi ordinàntzia si ARRACUMANDAT PURU a is tzitadinus privaus e a is arresponsàbbilis de atividadis industrialis, de artesania, cummertzialis, de coltivatzioni de matas e froris pruschetotu si funt aintru de bidda o acanta de custa :
· de puliri fatuvatu is tumbinus, gríllias de scàrrigu, putzetus de arragorta de s’àcua proixina, umperendu candu no est bastanti sa bonífica ambientali chi punnat a sperdi su bremi de sa síntzula, prodotus chi de seguru sperdinti is bremis sighendu is inditus torraus a portai in eticheta; a parti sa perioditzidadi prefissada, est cumentisisiat preferíbbili praticai unu tratamentu aintru de 7 dís apustis chi at própiu (apustis de sa pulitzia);
· de fai fatuvatu pulitzia de s'àcua chi abarrat in is testus de matas e froris o de cambiai s'àcua assumancu una borta a cida e, candu non bastat, fai tratamentus cun prodotus po sperdi su bremi;
· de fai tratamentus cun prodotus po sperdi su bremi aintru de 7 dís apustis chi at própiu in totus is strexus innui ddoi at àcua firma chi non podit essi bonificada e chi favoressit sa moltipricatzioni de sa síntzula ( arragortas de àcua in strexus o materialis diferentis collocaus a foras o calisisiat àtera arragorta de àcua).

Sémpiri in su documentu de su Síndigu si ORDINAT:
chi in custu períodu e fintzas a su 31 de Meseidas 2018:
A is tzitadinus privaus, a is arresponsàbbilis de atividadis industrialis, de artesania, cummertzialis, de coltivatzioni de matas e froris pruschetotu si aintru de bidda o acanta de custa:
· de non sbandonai mancu po pagu tempus in logus abertus púbricus e privaus, cumpresu terratzus, imperdaus solaris, ogetus e cuntenidoris de calisisiat genia e mannària ( gommas, ampuddas, bidonis, botus, strexus de ponni asuta de is testus, e aici sighendi) innui si potzat arragolli àcua proixina firma, ca est sea de svilupu de su bremi de sa síntzula;
· de providiri, candu funt cuntenidoris o serbatójus chi non funt sbandonaus, a ddus serrai cun covecus o telus e, si no est possíbbili, a càmbiai s'àcua o ddus sbuidai una borta a sa cida po evitai foxilis de bremi de síntzula in s'àcua firma; si is cuntenidoris e is serbatójus non funt umperaus tocat a providiri a ddus sistemai, po evitai ammuntonamentus de àcua, o a ddus sbuidai de s'àcua assumancu una borta a sa cida;
· de sbuidai is funtanas e is piscinas chi non funt in funtzioni o evitai s'aposentamentu de s'àcua;
· de tenni pullidas is pratzas e is logus abertus de s'erba e de s'àliga de calisisiat genia, de ddus sistemai po evitai aposentamentus de àcua proixina o de calisisiat proveniéntzia;
· de providiri, si ddoi at atividadis de cantieri o in casus símbillis, a sistemai sa terra po evitai arragorta de àcua;
· de sistemai is materialis de genia diferenti ( gommas, materialis diferentis cumpresu is materialis de scartu), po evitai arragorta de àcua, collochendiddus in localis cobertus opuru a foras umperendu coberturas apósitas; si ddoi at arragorta de àcua firma, tocat, si is cunditzionis ddu permitint, a ddas sbuidai assumancu una borta a cida;
· a totus is sugetus chi a calisisiat títulu funt autorizaus a fai manifestadas chi cumportint s'atóbiu de genti meda a merí in àreas birdis púbricas o privadas, in aciunta a is mesuras asuba arremonadas, si cuntzillat de fai tratamentus straordinàrius de disinfestatzioni po médiu de ditas spetzializadas, apustis de ai fatu un'apretziamentu de s'arriscu, notifichendindi sa detzisioni a su Dipartimentu de Preventzioni de sa ASSL po averiguamentus avatantis eventualis.

Po àterus minudus si torrat a mandai a s'Ordinàntzia integrali.

Documentus disponíbbilis:

Ordinàntzia 183/2018

 

 

 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - via Don Minzoni, 10 - 09036 Guspini (VS) | protocollo@pec.comune.guspini.vs.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |