Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Michela Murgia A Guspini (RINVIATO)

Cartolina Autunno d'autore 2018 dedicato a Joyce Lussu - Michela Murgia ritratto e copertina del libro con scritta RINVIATO

30 ottobre 2018

__________________________________________

RINVIATO A DATA DA DESTINARSI CAUSA CONDIZIONI METEO AVVERSE E IMPRATICABILITÀ DELLE STRADE DI ACCESSO AL PAESE

__________________________________________

«Essere democratici è una fatica immane. Significa fare i conti con la complessità, fornire al maggior numero di persone possibile gli strumenti per decodificare e interpretare il presente, garantire spazi e modalità di partecipazione a chiunque voglia servirsene per migliorare lo stare insieme. Inoltre non a tutti interessa essere democratici. A dire il vero, se guardiamo all'Italia di oggi, sembra che non interessi più a nessuno, tanto meno alla politica. Allora perché continuiamo a perdere tempo con la democrazia quando possiamo prendere una scorciatoia più rapida e sicura? Il fascismo non è un sistema collaudato che garantisce una migliore gestione dello Stato, meno costosa, più veloce ed efficiente?». Michela Murgia usa sapientemente la provocazione, il paradosso e l'ironia per invitarci ad alzare la guardia contro i pesanti relitti del passato che inquinano il presente. E ci mette davanti a uno specchio, costringendoci a guardare negli occhi la parte più nera che alberga in ciascuno di noi.

 

[dal sito ufficiale della scrittrice]

***

Michela Murgia, ha esordito nel 2006 per ISBN con “Il mondo deve sapere”, diario tragicomico di una telefonista precaria. Paolo Virzì ne ha tratto spunto per girare il film “Tutta la vita davanti” e David Emmer e Teresa Saponangelo ne hanno portato un omonimo adattamento a teatro. Nel 2008 è uscita per i tipi di Einaudi la guida narrativa “Viaggio in Sardegna”. Undici percorsi nell'isola che non si vede, che offre suggestioni su un'isola sconosciuta alle guide per turisti. Nel 2009 ancora per Einaudi pubblica il romanzo “Accabadora”, la storia della vecchia Bonaria, della piccola Maria e del loro legame speciale in una Sardegna dove la vita e la morte non sono mai dimensioni individuali. Con questo romanzo vince il Premio Dessì, il Super Mondello, il Premio Viadana, il Premio Alassio, il Premio Città di Cuneo e il Super Campiello. Nel 2011 esce il saggio teologico “Ave Mary” e nel 2012 il racconto “L'incontro e il diario Presente”, scritto a otto mani con Giorgio Vasta, Andrea Bajani e Paolo Nori. È del 2013 “L'ho uccisa perché l'amavo. Falso!”, scritto con Loredana Lipperini, del 2015 “Chirú” (Einaudi) e del 2016 “Futuro interiore”. Conduttrice di programmi televisivi e radiofonici, intellettuale militante, collabora con L’Espresso. Dal 2011 è socia onoraria del Coordinamento Teologhe Italiane e collabora per molti periodici e quotidiani. I suoi libri sono tradotti in più di venti lingue. Nel 2018 ha pubblicato per Marsilio editore “L'inferno è una buona memoria. Visioni da "Le nebbie di Avalon" di Marion Zimmer Bradley.

***

Evento realizzato entro la manifestazione culturale “Autunno d’Autore dedicato a Joyce Lussu”
a cura dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Cultura e Turismo del Comune di Guspini.
Con la collaborazione della Proloco Guspini, Sistema bibliotecario Monte Linas, Museo storico Emilio e Joyce Lussu

 


PROGRAMMA


1. Venerdì 26 ottobre | h 18 | Case a Corte
“L'Olivastro e l'Innesto” di Joyce Lussu
Un Reportage tra Parola e Musica
con Francesca Murru (voce recitante) e Andrea Congia (chitarra classica/synth)
Spettacolo a cura della Casa di Suoni e Racconti

2. Domenica 4 novembre | h 18 | Case a Corte
Presentazione del libro “Istruzioni per diventare fascisti” di Michela Murgia, coordina Francesco Abate

3. Venerdì 16 novembre | h 18 | Biblioteca comunale “Sergio Atzeni”
Presentazione del libro “Sulle labbra del tempo. Area tra musica, gesti, immagini” di Viviana Vacca e Diego Protani

4. Venerdì 30 novembre | h 18 | Case a Corte
La mia casa e i miei coinquilini – Il lungo viaggio di Joyce Lussu
Regia di Marcella Piccinini. Genere documentario - Italia, 2016

 

“ Essi democràticus est unu fadiori foras de contu. Bolit nai fai is contus cun sa trabballosidadi, donai a cantu prus personas possíbbilis is ainas po cumprendi e interpretai su presenti, garantiri logus e maneras de partitzipatzioni a chinisisiat si ndi bollat serbiri po melliorai su stai totus imparis. In prus no a totus interessat essi democràticus. A nai sa beridadi, si miraus a s’Itàlia de oi, parit chi no interessit prus a nemus, e prus pagu ancora a sa política. Intzandus poita sigheus a perdi tempus cun sa democratzia candu podeus pigau una struncadura (incurtzadroxu) prus lestra e segura? Su fascismu no est fortzis unu sistema collaudau chi garantiscit una mellus gestioni de su Stadu, prus pagu costosa, prus lestra e capassa?” Michela Murgia umperat cun sabiduria sa provocatzioni, sa burrugada (paradossu) e sa befa (ironia) po si cumbidai a donai atentzioni contras a is avantzus de su passau chi imbrutant su presenti. E si ponit ananti a unu sprigu, obrighendisí a mirai in is ogus sa parti prus niedda chi nc’est in donniunu de nosu. [ de su giassu ufitziali de sa scritora].

Michela Murgia, nd’est bessida in su 2006 po ISBN cun “Il mondo deve sapere” diariu tràgicómicu de una telefunista precària. Paolo Virzì at pigau bidea po fai su film “Tutta la vita davanti” e Davis Emmer e Teresa Saponangelo dd’anti portau in teatru. In su 2008 at pubricau po Einaudi sa ghia narrativa “Viaggio in Sardegna”. Úndixi camminus in s’Ísula chi non si bit, chi donat sciascinus asuba de un’Ísula disconnota a is ghias po turistas. In su 2009 ancoras po Einaudi púbricat “S’Acabbadora”, su contu de sa bécia Bonària, de Maria e de s’acàpiu spetziali cosa insoru in una Sardigna innui vida e morti non funt mai fatus de sa persona scéti. Cun custu romanzu bincit su prémiu “dessì, su “Super Mondello”, su prémiu “Viadana”, su prémiu “Alassio” su prémiu “Citta di Cuneo “ e su “Super Campiello”. In su 2011 bessit su sàgiu teológicu “Ave Mary” e in su 2012 su contu “L’incontro e il diario Presente”, scritu imparis a Giorgio Vasta, Andrea Bajani; e Paolo Nori. Est de su 2013 “L’ho uccisa perché l’amavo”. Falso!”, scritu cun Loredana Lipperini, de su 2015 “Chirù” (Einaudi) e de su 2016 “Futuro interiore”. Condutora de programmas de televisioni e de ràdiu, intelletuali militanti, trabballat cun s’ Espresso. De su 2011 est sótzia onorària de su “Coordinamento Teologhe Italiane” e trabbalat puru cun àterus giornalis e rivistas. Is líbburus cosa sua funt furriaus in prus de 20 línguas. In su 2018 at pubricau po Marsilio editori “L’inferno è una buona memoria”. Bisionis de “Le nebbie di Avalon” de Marion Zimmer Bradley.

 

*****
Avenimentu fatu in su cuntestu de sa manifestada culturali “Autunno d’Autore dedicato a Joyce Lussu” a incuru de s’Assessorau a s’Istrutzioni Púbrica, Cultura e Turísmu de su Comunu de Gùspini.
Cun s’agiudu de sa Proloco Gùspini, De su Sistema bibliotecàriu “Monte Linas”, Museu Stóricu Emilio e joyce Lussu.

 


Programma
1. Cenàbara 26 de Meseladàmini , h- 18,00, Domus a Corti
“L’olivastro e l’innesto” de Joyce Lussu
Unu “reportage” intra “Parola e Musica”
Cun Francesca Murru (boxi chi contat) e Andrea Congia ( ghitarra cràssica/ synth)
Spetàculu a incuru de sa “ Casa di Suoni e Racconti.

2. Domínigu 4 de Donniasantu, h. 18, Domus a Corti
Presentada de su líbburu “Istruzioni per diventare fascisti” di Michela Murgia, cordinat Francesco Abate.

3. Cenàbara 16 de Donniasantu, h.18,00, Biblioteca Comunale “Sergio Atzeni”
Presentada de su líbburu “Sulle labbra del tempo. Area tra musica, gesti, immagini” de Viviana Vacca e Diego Protani.

4. Cenàbara 30 de Donniasantu, h. 18,00 Domus a Corti
“La mia casa e i miei coinquilini – Il lungo viaggio di Joyce Lussu”
Regia di Marcella Piccinini. Generi documentàriu – Itàlia, 2016.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - via Don Minzoni, 10 - 09036 Guspini (VS) | protocollo@pec.comune.guspini.vs.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |