Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Bandiere a mezz'asta per il "Giorno del Ricordo"

Esodo e bandiera a mezz'asta

8 febbraio 2019

Bandiere a mezz'asta per il Giorno del ricordo: una solennità civile nazionale italiana, istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92 e celebrata il 10 febbraio di ogni anno. L'istituzione del giorno del ricordo nasce dalla volontà di conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nell'immediato secondo dopoguerra (1943-1945), e della più complessa vicenda del confine orientale».

La data prescelta (10 febbraio) è il giorno in cui, nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l'Istria, il Quarnaro e la maggior parte della Venezia Giulia, in precedenza facenti parte dell'Italia.

In quanto solennità civile, ai sensi dell'art. 3 della legge 27 maggio 1949, n. 260, essa non determina riduzioni dell'orario di lavoro degli uffici pubblici o di orario per le scuole né, qualora cada in giorni feriali, costituisce giorno di vacanza; è obbligo, tuttavia, per gli edifici pubblici esibire il tricolore e, su richiesta espressa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di esporre lo stesso a mezz'asta.

Comunu de Gùspini: Banderas a mes’asta po “Sa Dí de s’Arregordu”: una solennidadi tzivili natzionali italiana, istituida cun sa L. 30 Martzu 2004 n.92 e afestada su 10 de Friaxu de dónnia annu. S’istitutzioni de Sa Dí de s’Arregordu nascit de sa voluntadi de non scaresci e de annoai “Sa Memória de sa tragédia de is italianus e de totus is mortus de is foibas, de su disterru de is istrianus, de is fiumanus e de is dalmatas italianus de is terras cosa insoru in s’interis de sa 2° Guerra Mundiali e in su segundu dopuguerra (1943-1945), e de is acontéssius incolliosus de sa làcana orientali”.
Sa data scioberada (10 de Friaxu) est sa dí chi, in su 1947, funt stétius firmaus is trataus de Parigi, chi intragànt a sa Jugoslavia s’Istria, su Quarnaro e sa parti prus manna de su Venetzia Giulia, chi innantis fadiant parti de s’Itàlia.
Giai chi est una festa tzivili, cunformas a s’art.3 de sa L. 27 de Maju 1049, n. 260, non cumportat una smenguadura de s’oràriu de trabballu de is ufítzius púbricus o de oràriu po is scolas e nimancu est dí de pàsiu si arruit in dí feriali. In dónnia manera, is edifítzius púbricus depint ammostai amarolla su tricolori e, si sa Presidéntzia de su Cunsillu de is Ministrus ddu domandat in manera espressa, ddu depint ammostai a mes’asta.
 

 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |