Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Monumenti aperti 2019

APPROFONDIMENTI

 Locandina44x64

Monumenti aperti 2019 - Radici al futuro

11 maggio 2019

Radici al futuro” è il tema scelto per l’edizione 2019 di Monumenti Aperti, l’attesa manifestazione prevista per l’11 e il 12 maggio che unisce l’apertura al pubblico di siti di interesse storico-ambientale alla partecipazione attiva delle scuole e delle associazioni locali, valorizzando insieme didattica e condivisione culturale con l’obiettivo di diffondere la conoscenza, a tutto tondo, del ricco e variegato patrimonio cittadino. Un patrimonio di radici e di identità che per esserlo, vivo, ha bisogno di linfa e attenzione da parte di tutte e di tutti.
In un’ottica di sinergia e continuità avviata da tempo, anche quest’anno il Comune di Guspini si lega ad Arbus attraverso continui spunti e novità che interesseranno percorsi naturali e antropizzati, il portato storico di un’identità e di un patrimonio materiale e immateriale che si sono sedimentati, incontrati e contaminati.

A Guspini i siti visitabili saranno 7 con un dispiegamento di 340 studenti-Ciceroni provenienti da 3 Istituti scolastici (I.I.S.Buonarroti, Direzione Didattica, Istituto comprensivo E.Fermi+ L.Da Vinci), 28 dei quali francesi, e con il supporto di 8 associazioni guspinesi, la collaborazione della Parrocchia di S.Nicolò e della Commissione Pari Opportunità.

Due le novità dell’edizione 2019: l’ex deposito di via Verdi e la zona storica del Cimitero: Conosciuto dai guspinesi come Su depositu, l'edificio in stile noeclassico dei primi anni ’20 del Novecento ai piedi del Monte Santa Margherita è il luogo dove si stabilì di ubicare, in occasione della realizzazione dell'acquedotto, il serbatoio pubblico dell'acqua. Qui infatti le famiglie del paese si recavano per approvvigionarsi dell'acqua potabile, usufruendo dei rubinetti pubblici appositamente installati: divenne in breve tempo un luogo identitario per i guspinesi che amavano trascorrere qui il tempo a scambiare due chiacchiere, godersi la natura, l'aria fresca e il panorama.
La seconda novità è rappresentata dalla visita alla parte storica del Camposanto di Guspini. Il complesso, il cui progetto risale al 1866, è anch’esso in stile neoclassico e i lavori furono conclusi nel 1868. Nell’area storica del cimitero è possibile ammirare i monumenti funerari dedicati alle personalità illustri che, a diverso titolo, hanno contribuito allo sviluppo della società guspinese.

Tra gli eventi speciali, la mostra “Madri della Costituzione. Itinerari di democrazia” realizzata dall’ANPI Sardegna e promossa dalla Commissione Pari Opportunità di Guspini sarà visitabile al Molino Garau; “Monumenti in musica”, il concerto degli studenti del Corso ad indirizzo musicale dell’Istituto comprensivo E.Fermi+ L.Da Vinci (domenica 12 h 19, piazza Sa Mitza di S.Maria); l’esposizione “Minerali e attrezzi di miniera” a cura dell’associazione Sa Mena, visitabile nei locali dell’ex scuola Sanna; e infine visite gratuite anche alle collezioni Castoldi e Tuveri al piano terra della Direzione di Montevecchio dove, sabato 11 a partire dalle 16, si terrà la presentazione del libro di fotografie “20 storie di Sardegna” di Domenico Ruiu e Massimiliano Mele, proiezioni e approfondimenti su “Miniere e minerali di Sardegna” alla presenza dell’autore Luciano Ottelli.

“Arreíxinis a su benidori” est s’argumentu scioberau po s’editzioni 2019 de Monumenti Aperti, sa manifestada fissada po su 11 e su 12 de Maju chi aunit s’abertura a su púbricu de is logus de interessamentu stóricu – ambientali a sa partitzipatzioni ativa de is scolas e de is assótzius localis, avalorendi imparis didàtica e cumpartzidura culturali cun sa tarea de spartzinai sa connoscéntzia, a 360° gradus, de su patrimóniu tzitadinu arricu e diferentziau. Unu patrimóniu de arreíxinis e de identidadis chi po abarrai biu tenit abbisóngiu de linfa e atentu de parti de totus. In una prospetiva de sinergias e sighidura inghitzada de tempus, ocannu puru su Comunu de Gùspini si acapiat a Arbus po médiu de strumbullus fitianus e novidadis chi interessant camminus naturalis e camminus manixaus de s’ómini, s’arresurtau stóricu de un’identidadi e de unu patrimóniu materiali e immateriali chi si funt assentaus, atóbiaus e ammesturaus.
In Gùspini is logus chi si podint bisitai funt 7 e bint impinniaus 340 studiantis_ghias chi ndi benint de 3 Istitutus scolàsticus: “I.I.S. Buonarroti”, Diretzioni didàtica, Istitutu Cumprensivu “E. Fermi+ Da vinci, de is studiantis-ghias funt frantzesus, e cun s’agiudu de 8 assótzius guspinesus, s’agiudu de sa Parróchia de san nicolò e de sa Commissioni Pari Oportunidadis.
Duas is novidadis de s’editzioni 2019: su Depositu béciu de bia Verdi e sa zona stórica de su Campusantu: connotu de is guspinesus cumenti su depositu, su fàbricu in stili neocràssicu de is primus Annus ‘20 de su Noixentus a is peis de su Monti Santa Margherita est su logu innui iant detzidiu de ponni, candu fiant fadendi s’acuedotu,, su serbatóju de s’àcua púbricu. Innoi, difatis, is famíllias de sa bidda andant po pigai s’àcua po bufai, umperendi is grifonis púbricus postus aposta: fiat besiu in pagu tempus unu logu identitàriu po is guspinesus chi ddi praxiat passai su tempus innoi a chistionai, a si gosai s’ambienti, s’ària frisca e sa vista.
Sa segundu novidadi est sa bisita a parti stórica de su Campusantu de Gùspini. Su progetu de custu est de su 1866 e est in stili neocràssicu e is trabballus fiant stétius acabbaus in su 1868. In sa zona stórica de su Campusantu si podint biri is monumentus funeràrius dedicaus a personas de importu chi, a títulu diferenti, ant cuntribbuiu a su svilupu de sa sotziedadi guspinesa.
Intra de is acontéssius spetzialis, s’ammosta “Madri della Costituzione. Itinerari di democrazia”. Fata de sa “ANPI Sardegna” e prumóvia de sa Commissioni de is Paris Oportunidadis de Gùspini si podit biri in su Molino Garau; “monumenti in musica”, su cuntzertu de is studiantis de su Cursu a indiritzu musicali de s’Istitutu Cumprensivu “E.Fermi+Da Vinci” (domínigu 12 a is seti de a merí (19,00) in pratza Sa Mitza de Santa maria); s’espositzioni “Minerali e ainas de miniera” a incuru de s’assótziu “sa Mena”, chi si podit bisitai in is aposentus de sa Scola bécia Sanna; e a s’acabbu bisitas a indonu puru a is colletzionis Castoldi e Tuveri in su pianu terra de sa Diretzioni de Montibéciu innui, sàbudu 11 de Maju, a inghitzai de is cuatru de a merí (16,00), nc’est sa presentada de su líbburu de fotografias “20 storie di Sardegna” de Domenico Ruiu e Massimiliano Mele, proietzionis e aprofundamentus asuba de “Miniere e minerali di Sardegna” a sa preséntzia de s’autori Luciano Otelli.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |