Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Diocesi: disposizioni per il contrasto al Corona Virus

APPROFONDIMENTI

 Decreto del Vescovo

Monsignor Carboni

7 marzo 2020

Anche l'Arcidiocesi di Oristano si adegua alle misure di contrasto alla diffusione del contagio da Corona Virus;

sentite le Autorità ecclesiastiche e i Parroci si rendono note le nuove disposizioni dell'Arcivescovo Mons. Roberto Carboni relativamente a:

rito delle esequie

"ORIENTAMENTI E NORME PER LA CELEBRAZIONE DELLE ESEQUIE

Facendo seguito alle direttive che abbiamo recentemente offerto alla comunità diocesana in questo periodo di emergenza da Coronavirus, aggiungiamo alcune indicazioni da eseguire in occasione della celebrazione delle esequie, per tutte le comunità della Nostra Arcidiocesi; invito tutti i sacerdoti, soprattutto i parroci, ad aiutare i fedeli, specialmente i familiari dei defunti, a comprendere la particolare situazione in cui ci troviamo e ad accogliere con spirito di collaborazione le direttive degli Organi di Governo, della CEI e della CES insieme alle seguenti norme diocesane:

Ribadisco le indicazioni recentemente emanate e che costituiscono la norma per tutte le celebrazioni comunitarie, specie per la Santa Messa;

  • Si informino tutti i fedeli che alla celebrazione del funerale, fatto nella chiesa parrocchiale, potranno essere ammessi solo i parenti del defunto, rimandando a un altro momento una celebrazione più partecipata con la comunità;
  • Secondo le norme emanate dal Governo si mantenga, anche in chiesa, la giusta distanza tra i fedeli;
  • Si invitino gli anziani e i fedeli con particolari patologie a non partecipare alle celebrazioni con un numero alto di persone;
  • È consigliabile che le persone con più di 65 anni restino a casa e seguano, eventualmente, in televisione la Messa e le altre celebrazioni quaresimali;
  • Si eviti lo scambio delle condoglianze (strette di mano, abbracci…);
  • Si evitino gli assembramenti di persone nella casa del defunto e nelle camere mortuarie;
  • La celebrazione liturgica delle esequie si concluda, di norma, nella chiesa parrocchiale; altre modalità specifiche (processione verso il cimitero a piedi o in macchina etc.) saranno valutati dal parroco e dalle autorità comunali, tenendo comunque sempre conto delle disposizioni emanate dagli Organi di Governo.

Queste indicazioni rimarranno in vigore sino a quando non cesserà lo stato di emergenza e non verranno notificate altre disposizioni. Invito tutti a vivere questo momento delicato e difficile con senso di responsabilità e intelligenza, applicando le norme nel contesto specifico ed evitando di suscitare preoccupazioni e turbamenti specie tra le persone più fragili e deboli.

+ Roberto, arcivescovo"


DISPOSIZIONI emanate dalla Conferenza Episcopale Sarda per la Arcidiocesi di Oristano e la Diocesi di Ale- Terralba:
I Vescovi della Sardegna, appreso del nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dell’8 marzo 2020 e condividendo con le altre Chiese dell’Italia questo momento che vede le pubbliche autorità ricercare tutte le misure necessarie per il contrasto e il contenimento del diffondersi del virus COVID-19, invitano i sacerdoti a sospendere nelle chiese la celebrazione dell’Eucaristia “in forma pubblica” fino al 3 aprile p.v., salvo diverse successive indicazioni invitando in mancanza della S. Messa a riscoprire la preghiera in famiglia, la meditazione della Parola di Dio e i gesti di carità.
I fedeli sono invitati a partecipare alle celebrazioni trasmesse attraverso mezzi radio-televisivi o via internet.
Nel confermare inoltre la validità delle precauzioni razionali e sensate, indicate nel precedente comunicato, stabiliscono:

  • Che l’accesso ai luoghi di culto è consentito per la preghiera personale e l’incontro con i sacerdoti che, generosamente, si rendono disponibili al sostegno spirituale e al sacramento della Riconciliazione, a condizione che siano adottate misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • La sospensione delle celebrazioni, feriali e festive, riguarda anche i sacramenti (prime comunioni e cresime), i sacramentali, le liturgie quali la Via Crucis, indipendentemente che avvengano in luoghi chiusi o aperti;
  • La celebrazione di battesimi e di matrimoni è consentita alla sola presenza di padrini / testimoni e dei familiari;
  • Sono sospese anche le S. Messe esequiali, in attesa di essere celebrate quando si concluderà questa fase, mentre è consentita la benedizione della salma alla presenza dei soli familiari;
  • Siano sospesi gli incontri del catechismo e delle altre attività formative e di oratorio fino al permanere della sospensione delle attività scolastiche; nel frattempo chiediamo ai sacerdoti e ai catechisti, in collaborazione con le famiglie, la disponibilità a mantenere vivo e creativamente costante il rapporto con il gruppo dei bambini e dei ragazzi, valorizzando le possibilità offerte dai social e attraverso altre forme di condivisione e di collegamento.
  • Sono sospese tutte le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura svolti in ogni luogo sia pubblico sia privato;
  • Le attività caritative (mense e centri di ascolto) continueranno con le attenzioni precauzione e di sicurezza richieste dal Decreto.

Per maggiori dettagli si rimanda al Decreto integrale 

DOCUMENTI DISPONIBILI 

Decreto del Vescovo

S’Artzidiótzesi de Aristanis puru si cunformat a is mesuras de cuntrastu a sa spartzinadura de su cuntàgiu de Corona Virus;
apustis de ai inténdiu a is Autoridadis eclesiàsticas e a is Predis, si faint sciri is dispositzionis nobas de s’Artziobispu Munsenniori Roberto Carboni po su chi pertocat is interrus, e si cumbidant totus is tzitadinus a ddas arrespetai:
“Orientamentus e normas po sa tzelebratzioni de is interrus”
A is diretivas chi de pagu eus donau a sa comunidadi diotzesana in custu períodu de emergéntzia de Corona Virus, aciungeus unus cantu inditus de sighiri in ocasioni de sa tzelebratzioni de is interrus, po totus is comunidadis de s’Artzidiótzesi cosa nosta; cumbidu totus is predis, pruscatotu is pàrrocus, a agiudai is fielis, pruscatotu is familiaris de is mortus, a cumprendi sa situatzioni particulari chi s’agataus e a arritziri cun spíritu de collabboratzioni is diretivas de is Organus de Guvernu, de sa CEI e de sa CES imparis a is normas diotzesanas chi sighint:
Torru a repiti is inditus donaus de pagu e chi funt sa norma po totus is tzelebratzionis comunitàrias, pruschetotu po sa Santa Missa;
· Si informint totus is fielis chi a sa tzelebratzioni de s’interru, fatu in sa crésia parrochiali, funt ammítius scéti is parentis de su mortu, torrendi a mandai a un’àteru momentu una tzelebratzioni prus partitzipada cun sa comunidadi;
· Cunformas a is normas pregonadas de su Guvernu si apoderit, in crésia puru, sa distàntzia giusta intru de is fielis;
· Si cumbidit a is antzianus e is fielis cun maladias particularis a non partitzipai a is tzelebratzionis cun medas personas;
· Est mellus chi is personas chi tenint prus de 65 annus abarrint in domu e sigant sa Missa e is àteras tzelebratzionis caresimalis in televisioni;
· Tocat a evitai de donai is passiéntzias (strintas de manu, imprassus …);
· Tocat a evitai is atóbius cracus in domu de su mortu e in is càmeras mortuàrias;
· Sa tzelebratzioni litúrgica de s’interru acabbit, de norma, in sa crésia parrochiali; àteras modalidadis spetzíficas ( prutzessioni a campusantu a pei o in màchina …) ddas apretziant su pàrrocu e is autoridadis comunalis, tenendi sémpiri presentis is dispositzionis pregonadas de is Órganus de Guvernu.
Custus inditus abarrant in vigéntzia fintzas a candu no acabbat su stadu de emergéntzia e non funt notificadas àteras dispositzionis. Cumbidu a totus a bivi custu momentu dilicau e difítzili cun responsabbilidadi e intelligéntzia, aprichendi is normas in su cuntestu spetzíficu e evitendi de fai nasci pentzamentus pruschetotu intra de is personas prus débbilis.
Roberto Carboni Artziobispu.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |