Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Corona virus: chiusura delle principali attività

APPROFONDIMENTI

MODULI PER AUTOCERTIFICAZIONE
SPOSTAMENTI INEVITABILI

 Modello in formato pdf compilabile 

L'integrazione all'autocertificazione riguarda il divieto assoluto di uscire dalla propria abitazione per chiunque sia stato posto in quarantena.
Si è resa necessaria in seguito al fatto che diverse persone sono state trovate fuori casa in violazione degli obblighi della quarantena. Tale violazione piò comportare fino a 12 anni di carcere per concorso colposo in epidemia.
Dovrà essere compilato e, ulteriore novità, dovrà essere controfirmato al momento del controllo dalle forze dell'ordine che avranno accertato l'identità del cittadino.
Questo per evitare di dovere allegare fotocopie di documenti. Le autocertificazioni verranno come sempre verificate a posteriori dalle forze dell'ordine

 

Il premier Conte (fonte ANSA)

11 marzo 2020

Firmato un nuovo decreto che sancisce le ulteriori misure di contrasto alla diffusione del Corona Virus, ferme molte delle attività al pubblico. "Funzioneranno i servizi bancari, postali, finanziari e assicurativi così come le attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare Tabacchi ed edicole resteranno aperti." Autocertificazione richiesta anche per gli spostamenti a piedi. Le nuove misure previste dal Dpcm che il premier Conte ha firmato saranno in vigore fino al 25 marzo,  Domenico Arcuri sarà il nuovo commissario delegato.

Il Nuovo DPCM, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del COVID-19 adotta le seguenti misure:

1) Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

2) Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

3) Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2.

4) Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

5) Il Presidente della Regione con ordinanza di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto legge 23 febbraio 2020 n. 6, può disporre la programmazione del servizio erogato dalle Aziende del Trasporto pubblico locale, anche non di linea, finalizzata alla riduzione e alla soppressione dei servizi in relazione agli interventi sanitari necessari per contenere l’emergenza coronavirus sulla base delle effettive esigenze e al solo fine di assicurare i servizi minimi essenziali. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute può disporre, al fine di contenere l’emergenza sanitaria da coronavirus, la programmazione con riduzione e soppressione dei servizi automobilistici interregionali e di trasporto ferroviario, aereo e marittimo, sulla base delle effettive esigenze e al solo fine di assicurare i servizi minimi essenziali.

6) Fermo restando quanto disposto dall’articolo 1, comma 1, lettera e), del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo 2020 e fatte salve le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza, le pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, assicurano lo svolgimento in via ordinaria delle prestazioni lavorative in forma agile del proprio personale dipendente, anche in deroga agli accordi individuali e agli obblighi informativi di cui agli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81 e individuano le attività indifferibili da rendere in presenza.

7) In ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:

  1.  sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  2. siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
  3. siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  4. assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  5. siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;

8) per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;

9) in relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 7 e 8 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.

11) Per tutte le attività non sospese si esorta al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.

Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 12 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020

Il premier Conte nel suo comunicato ha esortato ad evitare la corsa all'acquisto di alimentari che verranno reolarmente approvigionati.

Nell' Allegato 1 al DPCM vengono specificate le

attività di  COMMERCIO AL DETTAGLIO che saranno aperte, 

Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Attività di SERVIZI ALLA PERSONA che saranno aperti 

Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
Attività delle lavanderie industriali
Altre lavanderie, tintorie
Servizi di pompe funebri e attività connesse

 

 


DOCUMENTI DISPONIBILI

DPCM 11 marzo 2020

 

Decreti precedenti

DPCM 9 marzo 2020

DPCM 8 marzo 2020

MODULI PER AUTOCERTIFICAZIONE SPOSTAMENTI INEVITABILI:

 Modello in formato pdf compilabile 

Firmau su decretu nou chi stabbilit àteras mesuras de cuntrastu a sa spartzinadura de su Corona Virus, fimas medas atividadis a su púbricu. “Funtzionant is servítzius bancàrius, postalis, finantziàrius e assicurativus diaici cumenti a is atividadis de su setori agrícolu, zooténnicu, de tasformatzioni agrualimentari, stangus e èdiculas abarrant abertus” Autotzertificatzioni domandada puru po is trentziduras a pei. Is mesuras nobas prevídias de su DPCM chi su Cabu de su Guvernu Conte at firmau abarrant in vigéntzia fintzas a su 25 de Martzu, Domenico Arcuru est su Cummissàriu delegau nou. Su DPCM nou, cun sa tarea de cuntrastai e refrenai sa spartzinadura de su COVIS-19 pigat is mesuras chi sighint:

1) Funt suspéndias is atividadis cummertzialis a su minudu, fata etzetzioni po is atividadis de bèndita de cosa de papai e de primu netzessidadi elencadas in s’acàpiu 1, siat in su cuntestu de is butegas de bixinaus, siat in su cuntestu de sadistribbutzioni manna e média, puru is chi ddoi funt in is tzentrus cummertzialis, bastat chi siat permítia s’intrada scéti a custas atividadis. Funt serraus, chentza cunsiderai su tipu de atividadi, is mercaus, a parti cussus chi bendint cosa de papai. Abarrant abertas is edículas, is stangus, is potecarias. In dónnia manera depit éssiri garantida sa distàntzia de seguresa de assumancu unu metru intra de is personas.

2) Funt suspéndias is atividadis de is servítzius de restoratzioni (intra de custas tzilleris, “pub”, restorantis, gelaterias, ofellerias), a esclusioni de is mensas e de restoratzioni de continuu cun cuntratus, chi assegurant sa distàntzia de seguresa de unu metru intra de is personas. . Est permítia s’atividadi de restoratzioni cun intregadura a domu in su rispetu de is normas igienicu-sanitàrias siat po s’atividadi de cunfetzionamentu siat de trasportu. Abarrant abertus puru is esertzítzius de aporridura de cosa de papai e de cosa de bufai postus in is àreas de servítziu e de rifornimentu carburanti postus in s’aretza stradali, autostradali e aintru de is statzionis de is trenus, in is arioportus e in is spidalis garantendi sa distàntzia de seguresa de unu metru intra de is personas.

3) Funt suspéndias is atividadis chi riguardant is servítzius a sa persona (intra de custas pilucheris, braberis, estetistas) diferentis de cusssas presentis in s’acàpiu 2

4) Abarrant garantius, in su respetu de is normas igiénicu-sanitàrias, is servítzius bancàrius, finantziàrius, assicurativus e is atividadis de su setori agrícolu, zooténnicu (allevamentu) de trasformatzioni agru-alimentari inclúdias is filieras chi ndi frunint benis e servítzius.

5) Su Presidenti de sa Regioni cun ordinàntzia, art. 3, comma 2, de su Decretu Lei 23 de Friaxu 2020 n.6, podit disponni sa programmatzioni de su servítziu donau de is Aziendas de Trasportu Púbricu locali, puru de cussu chi no est de línia, cun sa tarea de smenguai e de ndi tirai is servítzius in arrelatu a is interventus sanitàrius netzessàrius po refrenai s’apretu corona virus in basi a s’abbisóngiu efetivu e cun sa tarea de assegurai is servítzius mínimus essentzialis. Su Ministru de is Infrastruturas e de is Trasportus de acórdiu cun su Ministru de sa Saludi podit disponni, cun sa tarea de refrenai s’apretu sanitàriu de corona virus, sa programmatzioni cun smenguadura e bogadura de is servítzius automobbilísticus interregionalis e de trasportu ferroviàriu, aerio e marítimu, asuba sa basi de abbisóngius efetivus e cun s’únicu scopu de assegurai is servítzius mínimus essentzialis.

6) Firmu abarrendi cantu dispostu de s’artículu 1, comma 1, lítera e) de su decretu de su Presidenti de su Cuntzillu de is Ministrus de su 8 de Martzu 2020 e fatas sarvas is atividadis funtzionalis a sa gestioni de s’apretu, is amministratzionis púbricas, artículu 1, comma 2, de su decretu legislativu 30 de Martzu 2001, n.165, assegurant su svolgimentu in manera ordinària de is prestatzionis de trabballu in forma àgili de su personali dipendenti, in dèroga puru a is acórdius individualis e a is óbrigus informativus, artt. de 18 a 23 de sa Lei 22 de Maju 2017, n. 81 e indivíduant is atividadis chi tocat a fai in preséntzia.

7) In órdini a is atividadis produtivas e a is atividadis professionalis si racumandat chi:

1. Is impresas umperint su prus possíbbili “su trabballu àgili” po is trabbalus chi podint éssiri fatus in domu o a distàntzia;
2. Siant intzidadas is férias e is cungedus pagaus po is dipendentis e puru totu is àterus strumentus prevídius de sa cuntratatzioni colletiva;
3. Siant suspéndias is atividadis de is repartus aziendalis no indispensàbbilis a sa produtzioni;
4. Adotint protocollus de seguresa contras a su contàgiu e, innui no est possíbbili respetai sa distàntzia de seguresa de unu metru intra de is personas cumenti a mesura printzipali de cuntenimentu, cun s’umperu de ainas de amparu individuali;
5. Siant intzidadas is operatzionis de sanificatzioni de is logus de trabballu, umperendi a custu scopu formas de amortizadoris sotzialis;
8) Scéti po is atividadis produtivas si racumandat puru chi siant limitaus a su màssimu is trentziduras aintru de logus e cuntrollada s’intrada a is spàtzius comunus;
9) In arrelatu a cantu dispostu in su cuntestu de is númunus 7 e 8 si favoressint, in manera limitada a is atividadis produtivas, acórdius intra de organizatzionis datorialis e sindacalis.
10) Po totus is atividadis chi non funt suspéndias si esortat a umperai su prus possíbbili su Trabballu àgili”.

Is dispositzionis de custu decretu produsint efetus de sa data de su 12 de Martzu 2020 e funt eficatzis fintzas a su 25 de Martzu 2020.

Su “premier” Conte in su comunicau cosa sua at esortau a evitai sa cursa a sa còmpora de cosa de papai chi funt aprovigionaus cun regularidadi.

In s’acàpiu 1 a su DPCM funt spetzificadas is atividadis de cummértziu a su minudu chi abarrant abertas:

Ipermercaus
Supermercaus
Discount alimentaris
Mercadeddus e àteras butegas non spetzializadas de alimentaris
Cummértziu a su minudu de prodotus cungelaus
Cummértziu a su minudu in negótzius non spetzializaus de computer, periféricas, ainas po is telecomunicatzionis, eletrónica de consumu àudiu e videu, eletrodomésticus
Cummértziu a su minudu de prodotus alimentaris, bíbitas e tabbacu in butegas spetzializadas (códixi ateco: 47.2)
Cummértziu a su minudu de carburanti po autotratzioni in butegas spetzializadas
Cummértziu a su minudu de aparechiaduras informàticas e po is telecomunicatzionis (ICT) in butegas spetzializadas (códixi ateco: 47.4)
Cummértziu a su minudu de ferramenta, vernici, imbirdi pranu e materiali elétricu e termoidràulicu
Cummértziu a su minudu de prodotus igiénicu-sanitàrius
Cummértziu a su minudu de prodotus po s’illuminatzioni
Cummértziu a su minudu de giornalis, rivistas e periódicus
Potecarias
Cummértziu a su minudu in àteras butegas spetzializadas de mexinas chi no abbisóngiant de arretzeta
Cummértziu a su minudu de prodotus medicalis e ortopédicus in butegas spetzializadas
Cummértziu a su minudu de prodotus de profumeria e po s’igiène de sa persons
Cummértziu a su minudu de animaleddus masedus
Cummértziu a su minudu de materiali po òtica e fotografia
Cummértziu a su minudu de combustíbbili po s’umperu de domu e po riscaldamentu
Cummértziu a su minudu de saboni, detersivu, prodotus po lutzidai
Cummértziu a su minudu de calisisiat genia de prodotu fatu in “internet”
Cummértziu a su minudu de calisisiat genia de prodotufatu in televisioni
Cummértziu a su minudu de calisisiat prodotu fatu po posta, ràdiu e teléfonu
Cummértziu fatu po médiu de distribudoris automàticus

Atividadis de servítziu a sa persona chi abarrant abertas:
Lavanderia e pulidura de arrobba e pellícias
Lavanderias industrialis
Lavanderias e tintorias
Interramortus e atividadis acapiadas.
 

 

 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |