Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Messaggio del Sindaco

Il Sindaco Giuseppe De Fanti

12 marzo 2020

Cari concittadini e care concittadine,

In questi di giorni di grande tensione e preoccupazione ho dovuto, come tutti gli altri Sindaci, confrontarmi mattina e sera con le più diverse problematiche, con continui contatti con le diverse istituzioni, con frequenti riunioni con i Responsabili delle varie aree del Comune ai quali va un grandissimo grazie per l’abnegazione che dimostrano nel servizio alla comunità. In tutta questa concitazione non ho avuto modo di comunicare e farvi partecipi del livello di emergenza che stiamo affrontando.

Anch’io sento il dovere, di unirmi al coro di tutte le istituzioni politiche, sociali, militari e religiose che invitano a collaborare e a stare a casa.

Non voglio spaventare nessuno ma le informazioni di cui disponiamo mi inducono a lanciare un appello per richiamare tutti al proprio senso di responsabilità e affinché si vada molto oltre le prescrizioni di legge.

Il tono degli appelli che ci rivolgono soprattutto i medici e gli operatori degli ospedali ci dice, senza mezzi termini, che se l’epidemia dilagasse anche e soprattutto in regioni come la nostra non ci sarebbero mezzi sufficienti per curare tutti.

Abbiamo già tantissimi cittadini in quarantena, la maggior parte volontaria, per aver avuto contatti con persone potenzialmente positive al coronavirus, o perché rientrate dall’estero o dalla penisola, ma per fortuna, per ora nessun caso conclamato.

Le ultime notizie in tutto il mondo ci riferiscono, che oltre ai normali cittadini, vi sono deputati, ministri, attori, atleti di livello mondiale contagiati dal virus, nessuno è indenne.

Il livello di contagiosità di questa malattia, che non è un’influenza ma qualcosa di molto più grave, richiede comportamenti molto più rigorosi di quelli messi in campo dalla stragrande maggioranza degli italiani. Non possiamo permetterci che una minoranza sorda e cieca vanifichi i sacrifici di milioni di ragazzi, bambini e adulti che, rispettosi degli appelli, restano con grande sacrificio all’interno delle proprie case per bloccare la diffusione dell’epidemia.

Un grande ringraziamento va a tutti i genitori che stanno salvaguardando i propri figli mantenendoli rigorosamente nelle case. Non ho più visto un bambino in giro per il paese, per un verso è triste ma per un altro ci conforta perché così siamo certi che le generazioni più giovani sono protette e messe in sicurezza per il futuro.
Un particolare apprezzamento va anche agli insegnanti e alle stesse famiglie che stanno cercando di salvare in parte l’anno scolastico, già gravemente penalizzato, con lezioni via internet, con compiti a casa e con un continuo contatto con i ragazzi.

L'hastag #IoRestoaCasa dilaga, è sufficiente accendere la televisione perché ci appaia un politico, un medico, un giornalista, uno sportivo o un attore che ci invita a non uscire. Ci chiediamo perché lo fanno? Lo fanno perché la situazione si sta aggravando, perché non c’è nessuno al sicuro, perché tantissimi hanno il virus addosso anche se non hanno sintomi e magari fortunatamente non li avranno mai, ma possono contagiare gli altri. Tutti i Sindaci, tramite l’ANCI, e i Presidenti di Regione d’Italia hanno chiesto la chiusura generalizzata del paese, unico modello che finora ha potuto avere ragione del virus.

La crisi economica che ci sta travolgendo e che mette in crisi l’economia delle famiglie e delle imprese non giustifica il fatto che si facciano le pulci ai Decreti e alle Ordinanze per scovare tra le loro pieghe scappatoie per esercitare attività commerciali e di impresa non consentite. Più attività sono aperte più le persone circolano e tanto più vi sono vettori che spargono il virus tra la popolazione, e più a lungo durerà questo terribile momento.

Da lunedì 16 anche l’Amministrazione Comunale riduce al minimo l’attività garantendo comunque i servizi essenziali, in mancanza di altre tutele tutti i dipendenti comunali stanno tutti contribuendo alla causa “bruciando” anche le ferie per partecipare a questo impegno collettivo.

In sostanza io chiedo a tutti, e in primo luogo alle attività produttive, di stringere i denti, rinunciamo a vendere un caffè in più, un panino, un attrezzo, un pacchetto di sigarette, anche per solidarietà con le categorie che non rientrano nelle liste di quelli che possono ancora aprire, e chiudiamo le attività non di primaria necessità. Molti stamattina lo hanno già fatto spontaneamente e me lo hanno comunicato. Magari lasciamo il numero di telefono sulla serranda e, se qualcuno ne ha bisogno, rendiamoci disponibili a fornire ciò che serve.

A tutti i cittadini chiedo di restare a casa. Se non è una cosa indispensabile, oltre a quelle che prevede la legge, proviamo a rinunciare. Rinunciamo anche alla passeggiata, perché avremo tempo e modo di farne tante altre, e magari le apprezzeremo di più di quanto le apprezziamo di solito.
Diamo tutti un grande esempio di cosa vuol dire fare comunità, condividiamo il momento di difficoltà e cerchiamo di fare in modo che questo percorso nel buio sia più breve possibile.

Un Caro Saluto a tutti.

Il Sindaco
(Giuseppe De Fanti)

In custas dís de grandu timoria e pentzamentu mi seu dépiu, cumenti a totus is àterus Síndigus, cunfrontai a mengianu e a merí cun probremas diferentis, cun cuntatus sighius cun istitutzionis diferentis, cun atóbius fitianus cun is Responsàbbilis de is àreas diferentis de su Comunu chi ringràtziu meda po su spíritu de sacrifítziu chi ammostant fadendi servítziu a sa Comunidadi. In totu custu atrupélliu non si apu pótziu comunicai e si fai partétzipis de su livellu de apretu chi seus afrontendi.

Deu puru intendu su doveri, de mi aciungi a totus is istitutzionis políticas, militaris e religiosas chi cumbidant a trabballai imparis e a abarrai in domu.
Non bollu fai atzicai a nemus ma is sceras chi teneus mi impellint a fai un’apellu po cumbidai totus a sa responsabbilidadi e po chi si andit addia de is prescritzionis de lei. Su tonu de is apellus chi si faint pruschetotu is dotoris e is operadoris de is spidalis si narat, a craru, chi si s’epidemia si spartzinat puru e pruschetotu in regionis cumenti a sa nosta non ddoi at is mezus suficientis po curai a totus.

Teneus giai medas tzitadinus in cuarantena, sa magior parti voluntària, po ai tentu cuntatus cun personas chi podiant essi positivas a su corona virus, o poita torradas de s’èsteru o de su continenti, ma po bona sorti, po immui nisciunu casu acrarau.

Is ùrtimas sceras in totu su mundu si faint sciri, chi a parti is tzitadinus comunus, ddoi at deputaus, ministrus, atoris, atletas de livellu mundiali cuntagiaus de su virus, nisciunu est sarvu.
Su livellu de cuntagiosidadi de custa maladia, chi no est un’infroéntzia ma calincuna cosa de prus gravi meda, domandat cumportamentus prus rigorosus meda de cussus chi sa majoria de is italianus funt ponendi in atu. Non si podeus permítiri chi una minoria chi non bolit arrespetai is dispositzionis annuddit is sacrifítzius de milionis de piciocus, pipius e mannus chi, arrespetendu is apellus, cun grandu sacrifítziu abarrant in domu po frenai sa spartzinadura de s’epidemia.

Unu ringratziamentu mannu andat a totus is babbus e mammas chi funt amparendi is fillus cosa insoru apoderendiddus in domu. No apu prus biu unu pipiu peri is bias de sa bidda, de unu ladu est una cosa trista ma de s’àteru si cunfortat ca diaici seus segurus chi generatzionis prus gióvunas funt protégias e postas in seguresa po su benidori.

Un’apretziamentu particulari andat puru a is insenniantis e a is famíllias etotu chi funt circhendi de sarvai assumancu in parti s’annu scolàsticu, giai penalizau a forti, cun letzionis in “internet”, cun is cómpitus in domu e cun unu cuntatu fitianu cun is piciocheddus.
Su “hastag” #IoRestoaCasa si spandit, bastat allui su televisori chi si cumparrit unu políticu, unu dotori, unu giornalista, unu sportivu o un’atori chi si cumbidat a non bessiri. Si domandaus poita ddu faint? Ddu faint poita sa situatzioni est agravendusì, poita non ddoi at nemus a su seguru, poita medas tenint su virus apitzus mancai non tengiat is síntomus e mancai po sorti non ddus ant a tenni mai ma mancai ddu podint atacai a is àterus. Totus is Síndigus, po médiu de s’ANCI, e is Presidentis de Regioni de s’Itàlia ant pregontau sa serrada generali de su paisu, modellu únicu chi fintzas a immui at frenau su virus.

Sa crisi económica chi est rovinendusì e chi ponit in crisi s’economia de is famíllias e de is impresas non giustíficat su fatu chi si circhit calincuna farta in is Deretus e in is Ordinàntzias po aciapai scapatojas po esertzitai atividadis cummertzialis e de impresa chi non funt autorizadas. Prus atividadis funt abertas prus is personas tzírculant e tantu prus ddoi at portadoris, chi spartzinant su virus intra de sa populatzioni, e prus a longu durat custu momentu orrorosu.
De lunis 16 s’Amministratzioni Comunali puru smenguat a su mínimu s’atividadi garantendi perou is servítzius essentzialis, in mancàntzia de àterus amparus is dipendentis comunalis funt totus agiudendi sa càusa “abruxendisì” is férias puru po partitzipai a custu impignu comunu.

In sustàntzia Deu pregontu a totus, e in primu logu a is atividadis produtivas, de stringi is dentis, lassendi de bendi unu cafeu in prus, unu paninu, un’aina, unu pachetu de sigaretas, po generosidadi puru cun is categorias chi non funt in sa lista de cussas chi podint ancora aberri, e serraus is atividadis chi non funt de primu netzessidadi. Medas custu mengianu dd’ant giai fatu de sei e mi ddu ant comunicau. Mancai lassaus su númunu in sa serranda e, si calincunu tenit abbisóngiu, siaus disponíbbilis a donai su chi serbit.

A totus is tzitadinus pregontu de abarrai in domu. Si no est cosa indispensàbbili, in prus de cussas chi previdit sa lei, provaus a lassai stai. Lassaus stai sa passillada puru, ca eus a tenni tempus e modu de ndi fai tanti àteras, e mancai ddas eus a apretziai de prus de su chi costumaus a fai.
Donaus a totus unu grandu esémpiu de ita bolit nai a fai comunidadi, cumpartzeus su momentu de dificoltadi e circheus de fai in modu chi custu percursu a su scuru siat prus crutzu possíbbili.

Saludus coralis a totus
Su Síndigu, Giuseppe De Fanti.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |