Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

COMUNICATO DEL SINDACO ALLA CITTADINANZA

Il Sindaco di Guspini Giuseppe De Fanti

23 marzo 2020

COMUNICATO DEL SINDACO sul caso di positività a Guspini

Dopo il doveroso avviso fatto stamane sul primo caso di positività al COVID-19 nel nostro Comune, e dopo aver ricevuto un numero infinito di messaggi, telefonate e comunicazioni, rispondendo alle quali ho potuto chiarire la maggior parte dei timori derivanti dall’evolversi della situazione, non solo per Guspini ma anche per i paesi vicini, debbo necessariamente fare ulteriori chiarimenti e considerazioni.

Innanzitutto, vorrei rassicurare tutti sullo stato delle cose in quanto gli interventi sono stati posti in campo tempestivamente e tutti i soggetti responsabili hanno attuato in modo rigoroso le procedure previste per il controllo della situazione emergenziale.
Poco importa conoscere nome e cognome di chi può essere il nostro concittadino colpito dal virus, in quanto, grazie all’encomiabile sensibilità dei familiari, sono stati allertati per tempo tutti coloro che erano o che avrebbero potuto essere in contatto con lo stesso.

Le autorità sanitarie stanno svolgendo il loro compito, così come il sottoscritto e i soggetti preposti, per circoscrivere ulteriormente i possibili contatti.

Tutti coloro che potrebbero essere stati contagiati sono già in quarantena e tutti sono stati avvisati per tempo. Qualunque altro cittadino che abbia seguito le prescrizioni di legge e sanitarie non ha nulla da temere se non il dovere di continuare a rispettare il distanziamento sociale, mediante l’isolamento presso le proprie abitazioni e il limitare all’indispensabile delle uscite da casa.

Non vi è motivo di allarmarsi in quanto le autorità sanitarie stanno svolgendo il loro compito con il massimo rigore e nell’esclusivo interesse della tutela della salute della popolazione. Chiunque potenzialmente contagiato dal caso in esame viene avvisato da coloro che sono incaricati della ricostruzione della catena di contatti.

Ritengo che la caccia all’untore, che tristemente si sta scatenando in tutte le comunità non appena viene segnalato un nuovo caso, e che anche da noi ha coinvolto in una ridda di nomi e di ipotesi numerosi ignari guspinesi, non serva alla risoluzione della epidemia. Non è una cosa piacevole per la famiglia che trepida per la vita del proprio congiunto, vedere il nome e addirittura la fotografia girare sui social e sulle chat più disparate, non possiamo abbruttirci a questo punto. Questa situazione terribile che stiamo vivendo non può e non deve farci perdere il rispetto per il dolore e la dignità delle persone. Dicono cha da questo dramma mondiale ne usciremo tutti migliori ma comportandoci in questo modo ci mettiamo invece su una strada diametralmente opposta.

Se abbiamo rispettato le regole possiamo ritenerci indenni da un possibile coinvolgimento, il virus viaggia attraverso le persone e con contatti ravvicinati, pertanto solo chi ha avuto una vicinanza di questo tipo con la persona interessata potrebbe eventualmente preoccuparsi. Chiunque, così come hanno fatto in molti, abbia dubbi può contattarmi in qualunque momento.
Il contagio del caso di Guspini con molta probabilità deriva da un focolaio del nord Sardegna ed è avvenuto ai primi del mese di marzo e non è collegabile a nessun “funerale” o ai casi dei paesi limitrofi che hanno altra origine. Il nostro concittadino, dalle informazioni raccolte, è uscito raramente di casa nel periodo successivo, ha avuto limitati contatti sociali, aveva cura di indossare la mascherina e seguiva le regole igieniche in modo rigoroso.

Questa crisi non sta certo giungendo alla fine pertanto manteniamo tutti la calma e facciamo in modo che ognuno di noi metta il suo mattoncino per vincere la battaglia contro il virus, con il rispetto disciplinato dell’unica strategia possibile che è quella del distanziamento sociale. Stiamo a casa.

Il Sindaco
(Giuseppe De Fanti)

 

Apustis de s’avisu doverosu fatu custu mengianu asuba su primu casu de cuntàgiu de COVID-19 in su Comunu cosa nosta, e apustis de ai arritziu medas messàgius, telefonadas e comunicatzionis, arrespundendi a custas apu pótziu acrarai sa maggior parti de is timorias chi ndi benint de su svilupu de sa situatzioni, non scéti po Gùspini ma po is biddas de acanta puru, non potzu fai de mancu de fai àterus acraramentus e cunsiderus.
Innantis de totu, ia a bolli assegurai a totus asuba de sa situatzioni gia chi is interventus funt stétius fatus a lestru e totus is sugetus responsàbbilis ant atuau in manera rigorosa is protzeduras prevídias po su cuntrollu de sa situatzioni de apretu.
Pagu importat a sciri nómini e sangunau de chi podit éssiri su cuntzitadinu cosa nosta fertu de su virus, poita, gràtzias a sa sensibbilidadi de is familiaris, funt stétius avisaus totus is chi funt stétius o podiant éssiri stétius in cuntatu cun su malàdiu.
Is autoridadis sanitàrias funt fadendi su doveri cosa insoru, diaici cumenti su sutascritu e is sugetus prepostus, po limitai ancoras de prus is cuntatus .
Totus is chini podint éssiri stétiu cuntagiaus funt giai in cuarantena e totus funt stétius avisau po tempus. Calisisiat àteru tzitadinu chi at sighiu is prescritzionis de lei e sanitàrias non tenit nudda de timi e depit sighiri a arrespetai su distantziamentu sotziali, po médiu de s’isulamentu in domu sua e limitai a s’indispensàbbili is bessidas de domu.
Non ddoi at motivu de si ndi atzicai giai chi is autoridadis sanitàrias funt fadendi su doveri cosa insoru in manera rigorosa meda e scéti po amparai sa saludi de sa populatzioni.
Is chi funt incarrigaus de torrai a costruri sa cadena de is cuntatus avisant chinisisiat podit éssiri stétiu cuntagiau de su casu in esàmini.
Pentzu chi sa cassa a su lungidori, chi in manera trista est scatenendusì in totus is comunidadis no apenas est sinnalau unu casu nou, e chi anche nosu puru at interessau in unu muntoni de nóminis e de ideas medas guspinesus chi non ndi sciant nudda, non serbat a sa risolutzioni de s’epidemia. Non est una cosa praxili po sa famíllia chi timit po sa vida de su parenti cosa sua, biri su nómini e adderetura sa fotografia girai in is “social” e in is “chat” prus disparadas, non si podeus abastasciai fintzas a custu puntu. Custa situatzioni terríbbili chi seus bivendi non podit e non si depit fai perdi s’arrespetu po su dolori e sa dignidadi de is personas. Narant chi de custu dramma mundiali ndi eus a bessiri totus mellus ma cumportendusí in custa manera si poneus intamis in sa bia contrària.
Si eus arrespetau is arregulas si podeus cuntziderai sarvus de su cuntàgiu, su virus biaxat po médiu de is personas e cun cuntatus de acostiaus, duncas scéti chi at tentu un’acóstiu de custa genia cun sa persona interessada si iat a podi ponni pentzamentu. Chinisisiat, diaici cumenti ant fatu in meda, téngiat dudas mi podit cuntatai in calisisiat momentu.
Su cuntàgiu de su casu de Gùspini cun meda probbabbilidadi ndi benit de su Nord Sardigna e est acontéssiu a is primus de Martzu e non est de ponni in arrelatu a nisciunu interru o a casus de biddas acanta chi tenint àtera orígini. Su cuntzitadinu cosa nosta, de is sceras arregortas, est bessiu pagu e nudda de domu in su períodu avatanti, at tentu pagus cuntatus sotzialis, si preocupàt de ponni sa sa mascarina e sighiat is arregulas igiénicas in manera rigorosa.
Custa crisi no est tzertu lompendi a sa fini duncas depeus totus apoderai sa calma e fai in manera chi donniunu de nosu pongiat su matoneddu cosa sua po binci sa batalla contras a su virus, cun s’arrespetu disciplinau de s’única strategia possíbbili chi est sa de su distantziamentu sotziali. Abarraus in domu.
Su Síndigu, Giuseppe de Fanti
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |