Comune di Guspini

Comune di Guspini

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Corona virus: ultimi aggiornamenti

Ultimi aggiornamenti

28 marzo 2020

Aggiorniamento del Sindaco riguardo la situazione locale sullo stato emergenziale dovuto all’epidemia di COVID-19 alla luce delle ultime notizie:

SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA E CONTROLLI
A seguito del primo caso registrato a Guspini lunedì, che ha portato alla scomparsa del nostro concittadino, null’altro è stato rilevato in merito a possibili altri contagi. Tutte le persone potenzialmente coinvolte sono in isolamento domiciliare e nessuno ha manifestato sintomi di nessun tipo, segnale questo che il caso è stato circoscritto in modo rigoroso dalle autorità sanitarie.
Relativamente al caso della Casa di riposo di Sanluri, per il quale sono circolate sui social una serie di false notizie, comunico che relativamente alle due ospiti nate a Guspini, è stata attivata una vasta rete di contatti e di controlli anche diretti con i familiari dai quali è risultato che nelle ultime tre settimane nessuno ha avuto contatti con le due signore. Peraltro risulterebbe che solo una delle due sia positiva, così come la maggior parte degli ospiti, mentre la più anziana ultranovantenne non risulta contagiata.
Le regole stabilite dal governo e dalla regione vengono rispettate nella quasi totalità dei casi, vi è un controllo continuo da parte della Polizia locale, dei Carabinieri, della Finanza e del Corpo forestale, sia sul rispetto delle quarantene e sia sulla circolazione all’interno del territorio comunale e verso altri comuni.
I concittadini che arrivano da fuori Sardegna si pongono in isolamento per 14 giorni e la loro presenza, nota tramite gli elenchi regionali, è monitorata dall’amministrazione comunale e dalle forze dell’ordine.

MASCHERINE
Le banche, le poste, e gli esercizi commerciali stanno richiedendo a tutti di accedere nei locali muniti di mascherine. Non tutti le hanno a disposizione. Il Comune di Guspini, come quasi tutti i comuni italiani, sta cercando da settimane di acquisire mascherine di tutti i tipi ma purtroppo vi è pochissima disponibilità. Finora nessuno ci ha fornito nulla, né la Protezione civile, né il governo e né la Regione, nonostante tutti i proclami e le dichiarazioni. Purtroppo, pur comprendendo la gravissima situazione, resta il fatto che i Sindaci sono stati lasciati soli.
Da martedì, tramite le somme derivanti da un nuovo prelievo dal fondo di riserva comunale, disporremo tuttavia di una prima fornitura che cercheremo di fare avere alla popolazione, tramite i numerosi volontari attivi in paese, in prossimità di alcuni punti più frequentati. Nei giorni successivi speriamo che la produzione possa garantirci dei quantitativi adeguati.

SANIFICAZIONE SPAZI PUBBLICI
Martedì e venerdì vi saranno anche altre due tornate di sanificazione degli spazi pubblici che ricordo interessa principalmente quelli prospicienti alle attività commerciali, studi medici, farmacie, fermate autobus e in generale a tutti i luoghi più frequentati. Le operazioni coinvolgono diverse squadre di volontari contemporaneamente e vengono svolte nelle ore serali fino a oltre le 22.

SITUAZIONI DI DISAGIO
Altro fronte sul quale ci si sta impegnando è quello delle ripercussioni economiche sulle famiglie e sui soggetti più deboli. In questo caso si è elevata la soglia di attenzione e tramite i servizi sociali comunali, il Centro di Ascolto, la Caritas, l’Arci, la VOLSOC e una vasta rete di cittadini che stanno prestando volontariamente la propria opera si cerca di intercettare in tempo i bisogni, la necessità di risolvere problemi quotidiani, fornitura alimenti, acquisto farmaci e quant’altro. Abbiamo chiamato l’iniziativa “Antenne sociali” perché tutti quelli che vengano a conoscenza di situazioni di difficoltà le possano segnalare.
Venerdì è stato disposto un altro stanziamento di fondi comunali per il Centro di ascolto che sta facendo da raccordo per una parte del volontariato. E’ attivo anche un altro canale tramite ARCI e Piccoli progetti possibili. I riferimenti possono essere trovati sulla notizia specifica del sito comunale. Servono sempre beni di prima necessità quali alimentari, prodotti per l’igiene personale e della casa.
Dobbiamo scongiurare il pericolo che la situazione possa precipitare, quindi invito chiunque potesse a supportare queste iniziative.
Per gli altri soggetti titolari di attività economiche o chiunque fruitore delle agevolazioni del decreto Cura Italia, non appena lo stato darà istruzioni faremo in modo di stabilire canali informativi per un più facile e rapido accesso ai benefici.

EVOLUZIONE DELLA SITUAZIONE
Gli esperti ci dicono che i dati per la Sardegna siano confortanti e, al di là dei numeri assoluti che sono concentrati principalmente nel nord dell’isola e in alcuni focolai all’interno di strutture socio sanitarie come Bitti o Sanluri, si tratta di casi sporadici che vengono rapidamente ed efficacemente circoscritti nelle singole comunità.
Parrebbe che le misure poste in campo e i sacrifici che stanno facendo tutti stiano producendo i risultati attesi. I prossimi quindici giorni saranno quelli decisivi pertanto esorto tutti ad applicare ancora con maggior disciplina le regole imposte, stando il più possibile a casa, e fare quello che speriamo sia l’ultimo tratto difficile prima di una progressiva ripresa.

Il Sindaco
(Giuseppe De Fanti)

Agiornamentu de su Síndigu riguardu a sa situatzioni locali po su chi pertocat a s'apretu po s'epidemia de COVID-19 a sa luxi de is úrtimas nobas.

SITUATZIONI EPIDEMIOLÓGICA E CUNTROLLUS
Apustis de su primu casu arregistrau lunis in Gùspini , chi at portau a sa morti de su cuntzitadinu cosa nosta, nudda si scit riguardu a àterus cuntàgius. Totus is personas chi ndi podint éssiri interessadas funt in isulamentu in domu e nemus at manifestau síntomus de nisciunu tipu, custu bolit nai chi is autoridadis sanitàrias ant limitau su casu in manera rigorosa.
Po su chi riguardat Sa Domu de Riposu de Seddori, chi a propositu funt tzirculadas in is "social" una filera de nobas frassas, comunicu chi po su chi pertocat is duas óspitis nàscias in Gùspini, est stétia ativada un'arretza de cuntrollus deretus puru cun is familiaris e est arresurtau chi in is úrtimas tres cidas nisciunu at tentu cuntatus cun is duas sennoras. In prus arresurtat chi scéti una de is duas siat positiva, diaici a cumenti sa magior parti de is óspitis, memtras sa prus bécia, chi tenit prus de norant'annus, non arresurtat cuntagiada.
Is arregulas stabbilidas de su Guvernu e de sa Regioni funt arrespetadas giai sémpiri, ddoi at cuntrollu fitianu de parti de is Vígilis, de is Carabbineris, de sa Finantza e de sa Forestali, siat po su chi riguardat s'arrespetu de is cuarantenas siat asuba de sa tzirculatzioni aintru de bidda e faci a àterus comunus.
Is cuntzitadinus chi lompint de foras de Sardigna si ponint in isulamentu 14 dí e sa preséntzia cosa insoru, chi si scit po médiu de is elencus regionalis, dda cuntrollant e s'Amministratzioni Comunali e is Fortzas de s'órdini.

MASCARINAS
Is bancas, sa Postas e is butegas funt pedendi a totus de brintai in is localis cun is mascarinas. Non totus ddas tenint. Su Comunu de Gùspini, cumenti giai totus is comunus italianus, est circhendi de unas cantu cidas de tenni mascarinas de calisisiat tipu ma a dolumannu ddoi at pagu disponibbilidadi. Fintzas a immui nemus s'at donau nudda, ne sa Protetzioni Tzivili, ne su Guvernu e ne sa Regioni mancai totus is procramas e is decraratzionis. A dolumannu, mancai cumprendendi sa situatzioni gravi meda, abarrat su fatu chi is Síndigus funt lassaus a solus.
De martis, po médiu de dinai pigau torra de su fundu de riserva comunali, teneus una primu frunidura chi circaus de spartzinai a sa populatzioni, po médiu de is tantis voluntàrius ativus in bidda, in is logus prus abbitaus. In is dís apustis spereus chi sa produtzioni si potzat garantiri cuantitativus adeguaus.

DISINFETATZIONI LOGUS PÚBRICUS
Martis e cenàbara ddoi at torra duas disinfetatzionis de is logus púbricus chi arregordu interessant pruscatotu is logus ananti de atividadis cummertzialis, stúdius médicus, potecarias, firmadas de postalis e in generali is logus prus abbitaus. Is operatzionis interessant unas cantu scuadras de voluntàrius in su matessi momenti e si faint de merí fintzas a is dexi de a noti (22.00) passadas.

SITUATZIONIS DE STROBBU
Seus impinniendusí puru po sa chistioni de is efetus económicus asuba de is famíllias e asuba de is sugetus prus débbilis. Po custu si est artziada s'atentzioni e, po médiu de is Servítzius Sotzialis Comunalis, su "Centro di Ascolto", sa "Caritas", su "Arci" e sa "VOLSOC" e un'arretza manna de tzitadinus voluntàrius, si tzircat de cumprendi in tempus is abbisóngius, is netzessidadis de arresolvi probremas fitianus, frunidura de cosa de papai, compora de mexinas e cant'àteru. Eus tzerriau sa proposta "Antenne Sociali" giai chi totus is chini scint de situatzionis de dificultadi ddas podint sinnalai.
Cenàbara est stétiu postu a dispositzioni àterus dinai de su Comunu po su "Centro di Ascolto" chi est fadendi de racordu po una parti de su voluntariau. Est ativu puru un'àteru canali po médiu de ARCI e "Piccoli progetti possibili". Is arrelatus si podint aciapai in sa noba spetzífica de su giassu comunali. Serbint sémpiri benis de primu netzessidadi cumenti a cosa de papai, prodotus po si sciacuai e po puliri in domu.
Depeus fuiri su perígulu chi sa situatzioni potzat pegiorai de mala manera, duncas cumbidu a totus is chi podint a agiudai custas propostas.
Po is titularis de atividadis económicas o po chinisisiat gosit de is agiudus de su decretu "Cura Italia", no apenas su Stadu donat istrutzionis fadeus in manera de stabbiliri canalis informativus po chi si potzat in manera simpli e lestra otenni is benefítzius.

SVILUPU DE SA SITUATZIONI
is spertus si narant chi is datus po sa Sardigna funt cunfortantis e, a banda de is númunus assolutus chi funt cuntzentraus pruschetotu in su Nord de s'Ísula e in unas cantu struturas sótziu-sanitàrias cumenti in Biti o in Seddori, si chistionat de casus rarus chi benint limitaus in manera eficatzi e lestra in is comunidadis.
Parit chi is dispositzionis pigadas e is sacrifítzius chi funt fadendi totus siant donendi is arresurtaus
abetaus. Is cuindixi dís chi benint funt cussus detzisivus duncas cumbidu a totus a sighiri ancoras cun prus rigori is dispositzionis impostas, abarrendi su prus possíbbili in domu, e a fai su chi si sperat siat s'úrtimu tretu difítzili prima de torrai a partiri in manera progressiva.

Su Síndigu,
Giuseppe De Fanti.
 

Altre notizie - Archivio

Comune di Guspini - Via Don Minzoni 10 - 09036 Guspini (SU) | protocollo@pec.comune.guspini.su.it | p.iva 00493110928 | Credits | Privacy | ConsulMedia 2009 |